L’octopus che è dentro di noi: un saggio di psicoanalisi

Ha oltre vent’anni il saggio sull’octopus che Federico de Luca Comandini pubblicò sul Giornale storico di psicologia dinamica, la rivista fondata dallo psicanalista junghiano Aldo Carotenuto.
Ma leggerlo oggi può aiutare a comprendere il fenomeno planetario del polpo Paul e la sua persistenza dopo la stretta attualità dei mondiali e la sua stessa morte.
Il saggio, che ripubblichiamo qui con l’autorizzazione dell’autore, si intitola “Octopus. Metamorfosi di un’immagine animale”.  L’uso del nome scientifico di Octopus permette di comprendere i simboli opposti legati alle immagini del “polpo” e della “piovra” e si adatta meglio a raccontare la trasformazione, nei secoli, dell’immagine di quest’animale.
La sottigliezza dell’intelligenza riconosciuta all’octopus dai greci oltre duemila anni fa è diventata, per alcuni zoologi contemporanei, “intelligenza aliena”. Tra l’una e l’altra de Luca Comandini percorre le tracce della presenza della figura dell’octopus nella letteratura, nelle arti figurative, nella psicologia. “L’incontro con l’octopus – ci avverte – apre la coscienza alla riflessività analogica. […] La sua soft intelligence è congeniale alla dimensione simbolica della relazione, suscita esperienza paradossali di significato e sfugge, come i sogni, alle pretese di chi vorrebbe possederla.
L’archetipo dell’octopus, in forme diverse in ogni epoca, ha agito sempre in profondo, sul piano simbolico. La sua immagine, che negli ultimi 150 anni ha tanto spaventato, in qualità di piovra, può essere recuperata ai nostri giorni in altra forma. Oggi “la conquista del mondo animale e lo sfruttamento del suo ambiente non nutre più la psiche” e avvertiamo che la nostra sopravvivenza è legata alla conservazione dell’ambiente e alla rivalutazione psicologica delle altre specie.
Sei alla ricerca di efficaci farmaci per la disfunzione erettile? Cercate di ordinare cialis generico on-line in farmacia italiana.
Preannunciato in un certo senso vent’anni prima da questo saggio, il polpo Paul con la sua preveggenza può aiutarci simbolicamente a superare gli incubi generati dalla “piovra” e a collegarci meglio a quell’Anima del mondo di cui facciamo parte.

Come un uomo di trecento anni

La biografia ufficiale di Paul il polpo è palesemente falsa. La querelle sulla nascita del polpo, inglese o italiano, è iniziata a luglio, quando la giovane tedesca Verena Bartsch dichiarò a Bild am Sontag di avere acquistato il polpo all’isola d’Elba e di averlo personalmente allenato e venduto all’acquario di Oberhausen.
Nella “biografia ufficiale” ripresa senza correzioni da Wikipedia in tutte le lingue (i dubbi si affacciano solo nella versione italiana e tedesca) viene indicata per Paul la data di nascita di gennaio 2008. Secondo la direzione di Sealife, la catena di trenta acquari europei Paul sarebbe nato tre anni fa già in cattività, nell’acquario inglese di Weymouth.
Paul sarebbe vissuto dunque due anni e nove mesi. Falso, secondo Luciano Minerva, ideatore di www.earth-condominium.org: un libro americano del 2010, “Octopus: the Ocean’s Intelligent invertebrate” scritto da grandi specialisti e direttori di acquari, sostiene, in un capitolo destinato proprio agli acquari, che “in cattività un polpo può vivere al massimo, un anno, spesso meno”.
“Questa invenzione non si può accettare da una potente multinazionale che dice di fare divulgazione scientifica. – dice Minerva – Sarebbe come se in ipotetico museo extraterrestre fossero esposte le spoglie di un uomo non solo preveggente, ma vissuto circa trecento anni.

14 Jan 2006, Kimberley Region, Australia — Meandering river in the Kimberley Region of Western Australia, aerial view — Image by © Theo Allofs/Corbis